‘BOOSTING’ A CREATIVE START-UP ECOSYSTEM

logo_regionelazio

SPEAKERS

guido-fabiani

Guido Fabiani

Professore emerito di Politica economica (ordinario nel 1980), è stato Preside della Facoltà di Economia “Federico Caffè” dal 1° novembre 1992 al 31 ottobre 1998.
Laureato in Scienze agrarie, ha abbandonato gli studi agronomici per specializzarsi in problemi dello sviluppo economico del Mezzogiorno alla scuola di Manlio Rossi-Doria in Portici e in Teoria della pianificazione. 
Su quest’ultimo tema ha studiato in particolare i problemi della pianificazione economica in URSS, come visiting researcher alla London School of Economics, con Peter Wiles e Alfred Zauberman.
Ha insegnato nelle Facoltà di Giurisprudenza (Università di Salerno), di Economia (Università di Modena), di Agraria e di Economia (Università di Napoli) e di Economia (Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e Università degli Studi Roma Tre). Nel tempo ha tenuto corsi di Teoria della pianificazione economica, Economia dei mercati agricoli, Economia agraria, Politica economica agraria ed Economia dell’ambiente. È stato tra i più stretti collaboratori di Manlio Rossi-Doria. Con lui ha partecipato a ricerche che hanno caratterizzato negli anni sessanta/settanta, assieme ai lavori di Fuà, Sylos Labini e Saraceno, l’intervento di programmazione territoriale e regionale. I suoi interessi vertono sui temi di analisi e politica economica dei sistemi agricolo-industriali italiani ed internazionali e sui temi della programmazione territoriale regionale e dello sviluppo nel Mezzogiorno. Ha collaborato sul piano scientifico con varie istituzioni nazionali e internazionali, tra cui: ISTAT, Formez, Ministero dell’Ambiente, Ministero dell’Agricoltura, Cooperazione allo Sviluppo, UE, CNEL, ONU, FAO, IPALMO. Ha partecipato alla valutazione del primo censimento dell’agricoltura cinese come componente di una commissione internazionale. È stato Copeland Fellow all’Amherst College (Massachusetts, USA). Rettore dell’Università degli Studi Roma Tre dal 1998 al 2013, è stato Presidente del Comitato Regionale di Coordinamento delle Università del Lazio (CRUL) da luglio 2006 a marzo 2013.
Assessore allo Sviluppo Economico e Attività Produttive nella Giunta Zingaretti della Regione Lazio da marzo 2013.
A luglio 2014 è nominato Rappresentante delle Regioni Italiane nella Cabina di Regia sulle politiche per lo Spazio voluta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Foto-Zingaretti

Nicola Zingaretti

Nato nel 1965 a Roma. Nel febbraio 2013 è stato eletto presidente della Regione Lazio con 1.330.398 voti.

Prima è stato presidente della Provincia di Roma (dal 2008 al 2012), deputato al Parlamento europeo e consigliere comunale di Roma.

LE PRIME ESPERIENZE POLITICHE
Inizia il suo impegno nell’associazionismo prendendo parte al movimento per la pace nel 1982. A diciassette anni è stato tra i fondatori dell’associazione di volontariato antirazzista ‘Nero e non solo’, impegnata nelle politiche dell’immigrazione e per una società multietnica e multiculturale.
Nel 1991 viene eletto Segretario Nazionale della Sinistra Giovanile e l’anno successivo Consigliere Comunale di Roma. Sono anni di grande impegno per lo sviluppo sostenibile e in difesa dell’ambiente, della legalità e contro la mafia.

L’IMPEGNO INTERNAZIONALE
Dal 1995 al 1997 Nicola Zingaretti è presidente dell’Unione Internazionale della Gioventù Socialista (IUSY) e Vice Presidente dell’Internazionale Socialista.
In questi anni lavora per ricostruire la rete con i partiti e le organizzazioni giovanili democratiche e progressiste in Bosnia-Herzegovina e si impegna per il processo di pace tra Israele e Palestina.

L’ATTIVITÀ POLITICA
Dal 1998 al 2000 è responsabile delle Relazioni Internazionali presso la Direzione Nazionale dei Democratici di Sinistra.
Nel 1999, con una delegazione DS, è stato in Birmania per sostenere il ‘movimento per la democrazia’, incontrando il Premio Nobel per la Pace 1991 Aung San Suu Kyi. Lo stesso anno organizza il viaggio del Dalai Lama a Roma.
Nel 2000 viene eletto segretario dei Democratici di Sinistra di Roma.

A BRUXELLES E IN ITALIA
Nel marzo del 2004 viene eletto al Parlamento Europeo con 213.000 preferenze e diventa  presidente della delegazione italiana nel Partito Socialista Europeo.
Al Parlamento europeo Zingaretti si occupa di protezione dei consumatori, volontariato, disabilità e diritti civili. Lavora in difesa dell’industria tessile europea e per il ‘made in Italy’.
Nel 2007 riesce a far approvare una direttiva che attribuisce sanzioni penali per i contraffattori che importano merci illegali e pericolose dai paesi extra-UE. Per questo riceve la nomination al MEP Award, il prestigioso riconoscimento che viene attribuito ogni anno ai deputati europei più meritevoli.
Nel novembre 2006 viene eletto al primo turno Segretario regionale del Lazio dei Democratici di Sinistra. L’anno successivo, alle primarie del Partito Democratico viene eletto con 282.000 voti (85,31%) Segretario del Pd nel Lazio.

PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI ROMA
Il 28 aprile 2008 viene eletto Presidente della Provincia di Roma dove realizza una serie di progetti con l’obiettivo di migliorare la qualità della spesa pubblica, la vita nei quartieri e nelle città e contribuire allo sviluppo economico del territorio.
Fra i progetti più importanti Provincia Wi-Fi, che permette di navigare gratis in internet in piazze, biblioteche e luoghi di ritrovo a Roma e in provincia. Nel 2011 inaugura Porta Futuro, un innovativo centro per il lavoro e la formazione.

PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO
Nel febbraio 2013 è stato eletto presidente della Regione Lazio con 1.330.398 voti. Il 12 marzo 2013 è stato proclamato dalla Corte