‘BOOSTING’ A CREATIVE START-UP ECOSYSTEM

logo_regionelazio

SPEAKERS

guido-fabiani

Guido Fabiani

Education and Titles: After graduating in Agricultural Sciences in 1962, he took a postgraduate diploma at the Centre of Economic and Agricultural Studies for the South of Italy, directed by Manlio Rossi-Doria, in Portici/Naples and, in 1970, a visiting scholar specialization degree in Economic Planning at the London School of Economics. He became Full Professor in 1980. In 1991, Dr Fabiani was Copeland Fellow at Amherst College, Massachusetts (USA). In 2005 he was awarded the title of Chevalier de la Légion d’honneur  – Knight of the National Order of the Legion of Honour of the French Republic. In 2007 he was awarded the title of Doctor Honoris Causa by the Universidad Ricardo Palma, Lima, Peru. He was also awarded with the Grado de Gran Oficial, Orden de Bernardo O’Higgins, Republica de Chile – Officer in the Bernardo O’Higgins Order, Chile.

Dr Fabiani’s main fields of research include international and Italian agriculture, territorial and environmental planning and development in Southern Italy.

 

Career: Since March 2013 he has been appointed Councillor for Productive Activities and Economic Development in the Latium Regional Government; in July 2014 appointed Coordinator of the Italian Regions in the Task Force for the definition of the National Space Policy;  from November 1998 to March 2013 Prof. Guido Fabiani was Rector of Roma Tre University. He was a full-time research scholar at the Rossi Doria Centre from 1962 to 1970. Beginning in 1971, he became a professor at the Universities of Modena, Naples, Rome and Salerno, teaching theory of planning, agricultural economics and policy, agricultural market economics and environmental economics. From 1981 to 2000, he was editor-in-chief of the review La Questione Agraria. In 1992 he became the first Dean of the “Federico Caffè” Faculty of Economics at the newly founded Roma Tre University, a position he held until 1998. Between 1997 and 1999 he was President of the Istituto Nazionale di Economia Agraria – INEA (Italian National Institute of Agricultural Economics). In 1998 he became chairman of the Italian Committee for Reviewing (auditing) Agricultural Statistics, ISTAT; in 2000 he became the Italian Representative in the Food and Agriculture Organization of the United Nations (FAO) Trilateral Mission Evaluation Committee (Italy, Japan, China) of the First China Agricultural Census; he was member of the Administrative Board of the Southern Regions Training Centre (Formez) and of Agenzia Nazionale per la Protezione dell’Ambiente – ANPA (Italian National Agency for Environmental Protection); in 1985 he was FAO consultant in the project Projecto de capacitatión en Planificación, Politicas Agricolas en América Latina y el Caribe. In 1972 he was member of a United Nations Commission in Poland on the Role of Cooperation in the Development of Micro-Regions; he was scientific consultant in other national and international institutions such as ISTAT, Ministry of the Environment, Ministry of Agriculture, Ministry of Foreign Affairs – Department of Development Cooperation, Ipalmo, EEC, CNEL and UN. Since January 2006 he has been member of the National Research Council Evaluation Committee. From 2007 to 2009 he was member of the Advisory Committee and of the Executive Committee of the National School for Public Administration. He is President of the Latium Universities Regional Coordination Committee (CRUL) and member of the Conference of Italian University Rectors (CRUI) and of the European University Association (EUA).

 

Publications: Major works, essays, volumes have been published by Il Mulino, Einaudi and Franco Angeli and translated into Japanese, French, English, Spanish and Portuguese.

Foto-Zingaretti

Nicola Zingaretti

Nato nel 1965 a Roma. Nel febbraio 2013 è stato eletto presidente della Regione Lazio con 1.330.398 voti.

Prima è stato presidente della Provincia di Roma (dal 2008 al 2012), deputato al Parlamento europeo e consigliere comunale di Roma.

LE PRIME ESPERIENZE POLITICHE
Inizia il suo impegno nell’associazionismo prendendo parte al movimento per la pace nel 1982. A diciassette anni è stato tra i fondatori dell’associazione di volontariato antirazzista ‘Nero e non solo’, impegnata nelle politiche dell’immigrazione e per una società multietnica e multiculturale.
Nel 1991 viene eletto Segretario Nazionale della Sinistra Giovanile e l’anno successivo Consigliere Comunale di Roma. Sono anni di grande impegno per lo sviluppo sostenibile e in difesa dell’ambiente, della legalità e contro la mafia.

L’IMPEGNO INTERNAZIONALE
Dal 1995 al 1997 Nicola Zingaretti è presidente dell’Unione Internazionale della Gioventù Socialista (IUSY) e Vice Presidente dell’Internazionale Socialista.
In questi anni lavora per ricostruire la rete con i partiti e le organizzazioni giovanili democratiche e progressiste in Bosnia-Herzegovina e si impegna per il processo di pace tra Israele e Palestina.

L’ATTIVITÀ POLITICA
Dal 1998 al 2000 è responsabile delle Relazioni Internazionali presso la Direzione Nazionale dei Democratici di Sinistra.
Nel 1999, con una delegazione DS, è stato in Birmania per sostenere il ‘movimento per la democrazia’, incontrando il Premio Nobel per la Pace 1991 Aung San Suu Kyi. Lo stesso anno organizza il viaggio del Dalai Lama a Roma.
Nel 2000 viene eletto segretario dei Democratici di Sinistra di Roma.

A BRUXELLES E IN ITALIA
Nel marzo del 2004 viene eletto al Parlamento Europeo con 213.000 preferenze e diventa  presidente della delegazione italiana nel Partito Socialista Europeo.
Al Parlamento europeo Zingaretti si occupa di protezione dei consumatori, volontariato, disabilità e diritti civili. Lavora in difesa dell’industria tessile europea e per il ‘made in Italy’.
Nel 2007 riesce a far approvare una direttiva che attribuisce sanzioni penali per i contraffattori che importano merci illegali e pericolose dai paesi extra-UE. Per questo riceve la nomination al MEP Award, il prestigioso riconoscimento che viene attribuito ogni anno ai deputati europei più meritevoli.
Nel novembre 2006 viene eletto al primo turno Segretario regionale del Lazio dei Democratici di Sinistra. L’anno successivo, alle primarie del Partito Democratico viene eletto con 282.000 voti (85,31%) Segretario del Pd nel Lazio.

PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI ROMA
Il 28 aprile 2008 viene eletto Presidente della Provincia di Roma dove realizza una serie di progetti con l’obiettivo di migliorare la qualità della spesa pubblica, la vita nei quartieri e nelle città e contribuire allo sviluppo economico del territorio.
Fra i progetti più importanti Provincia Wi-Fi, che permette di navigare gratis in internet in piazze, biblioteche e luoghi di ritrovo a Roma e in provincia. Nel 2011 inaugura Porta Futuro, un innovativo centro per il lavoro e la formazione.

PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO
Nel febbraio 2013 è stato eletto presidente della Regione Lazio con 1.330.398 voti. Il 12 marzo 2013 è stato proclamato dalla Corte