SPEAKER

Gianluigi Castelli

Gianluigi Castelli è nato a Milano nel 1954 dove si e’ laureato in Fisica a Indirizzo Cibernetico nel 1978.
Dall’Agosto del 2006 è Executive Vice President ICT di Eni S.p.A.
Dal 2001 al 2006 ha ricoperto diversi ruoli all’interno del Gruppo Vodafone: inizialmente come CIO di Vodafone Italia, quindi è divenuto Chief Technology Officer di Vodafone Italia unificando sotto un’unica responsabilità tutte le tecnologie IT e di Rete.
Infine, fino al 2006, è stato CIO di Gruppo, con responsabilità di governo e integrazione di tutte le funzioni IT delle società operative del Gruppo Vodafone.
Dal 1997 al 2001 ha operato all’interno del Gruppo Fiat, prima come CIO di Fiat Auto, poi come Amministratore Delegato e Direttore Generale della società di servizi software del Gruppo (GSA).
Nel 1996-1997 è stato CIO di Infostrada.
Dal 1978 al 1996 ha ricoperto diversi incarichi all’interno di Etnoteam S.p.A., fino a diventare direttore della Divisione di System Integration.
Dal 1978 al 1997 ha anche svolto attività accademica presso il Dipartimento di Scienze dell’Informazione dell’Università Statale di Milano.
Nel 1995 ha vinto l’ European Commission Information Technology Euroapean Award, nel 2009 l’EUCIP Champion Award e nel 2013 l’Oracle Excellence Award – CIO of the Year EMEA
E’ Adjunct Professor del MIP, professore a contratto di IT Strategy al Politecnico di Milano e fellow dell’ELIS.
E’ inoltre presidente di CIO AICA Forum, il ramo italiano della European CIO Association.

Bruce Sterling

Bruce Sterling is an Austin-born science fiction writer. He studied journalism and published his first book, Involution Ocean, in 1977. In the 80s Sterling published Cheap Truth a series of fanzines, which are magazines for fans of a particular performer, group, or form of entertainment. He did so under the surprising but revealing pen name of Vincent Omniaveritas (in latin, “truth conquers all things”). Sterling’s writings have been very influential in the cyberpunk movement in literature, specifically the novels Heavy Weather (1994), Islands in the Net (1988), Schismatrix (1985), The Artificial Kid (1980).
In 2003 Bruce Sterling became Professor of Internet studies and science fiction at the at the European Graduate School and in 2005 he became “visionary in residence” at the Art Center College of Design in Los Angeles. In September 2007 he moved to Italy where he found a peaceful place to live in Turin.
Bruce Sterling also founded the Viridian Design Movement, an environmental aesthetic movement founded on the ideas of global citizenship, environmental design and techno-progressiveness. His numerous book-length essays both question and promote how the future is shaping our concepts of self, time and space. Bruce Sterling’s most acclaimed book, The Hacker Crackdown: Law and Order on the Electronic Frontier (1993) is a deep history of the birth of cyberspace, following the periphery of the development of technology from the first telephone hackers to the government’s attack on several prominent hackers in 1990.
Bruce Sterling has blogged extensively in the blog, Beyond the Beyond published by Wired Magazine and has written many articles, including: “Beyond The Beyond Just another WordPress weblog” in Wired (2009). Finally, Sterling has also released a number of anthologies: Visionary in Residence: Stories (2006), A Good Old-Fashioned Future (1999), Globalhead (1992), Crystal Express (1989) and Mirrorshades: The Cyberpunk Anthology (1986).

Mark Kirollos

Team Prof. Manu Prakash
Mark Kirollos is a third year undergraduate studying bioengineering at Stanford University. He grew up in North Carolina, USA and joind the Prakash Lab in 2014 to work with the Foldscope team.

Rachel Lim

Team Prof. Manu Prakash
Rachel Lim is a sophomore at Stanford University studying either computer science or bioengineering. She is from Singapore and worked in the Prakash Lab in the summer of 2014 as part of the Foldscope team.

Riccardo Luna

Ho 49 anni e ne ho trascorsi dieci bellissimi a “la Repubblica” (il quotidiano per il quale scrivo tuttora).

Prima e dopo ho avuto la fortuna di fondare e dirigere tre giornali: “Campus”, “Il Romanista” e “Wired”.

Ho fatto un sacco di cose apparentemente scollegate: ho scritto per primo di Calciopoli, ho candidato Internet al premio Nobel per la Pace, sono presidente di Wikitalia, associazione che si occupa di trasparenza e partecipazione politica attraverso la rete.

Sul web ho diversi progetti in corso: un blog su “Il Post”, la direzione del sito “CheFuturo! Il lunario della innovazione” e la guida di StartupItalia!.

Ho curato e condotto le conferenze internazionali Happy Birthday Web, Makers e iSchool e il Next della Repubblica della Idee e sono co-direttore della European Maker Faire dal 2013 a Roma.
Ho raccolto alcune di queste storie nel mio ultimo libro: CambiamoTutto! Da pochi giorni sono Digital Champion Italiano.

Stefano Firpo

Stefano Firpo is Head of the Technical Secretariat of the Italian Ministry of Economic Development from December 2011. He graduated in Political Science from the University of Turin in 1998, and, afterwards, obtained a Master in Economics from the same university and a Master in Global Markets from the London School of Economics.
From June 2001 to March 2002 he was External Consultant in the Department of International and European Relations at the European Central Bank. From February 2003 to October 2003 he was Professor of Economics of Financial Intermediary at the University of Piemonte Orientale in Alessandria. From June 2002 to end 2005 he was a member of the Working Group on Capital Adequacy of the Institute of International Finance (Washington – USA), during which he supervised the negotiation of the Basilea II Agreements. From March 2002 to September 2004 he was a member of the Valuation and Risk Management Team at SanPaolo Imi Bank. From September 2004 to January 2007 he was Head of the Presidency Secretariat  at SanPaolo Imi Bank. From March 2007 to January 2009 he was a member of the CEO’s staff of Intesa SanPaolo Bank. From February 2009 to November 2011 he was Head of the CEO’s staff of Intesa SanPaolo Bank.

Thomas Sutton

Thomas Sutton is Executive Creative Director in frog design, where he guides clients and leads frog teams to design inspiring, meaningful solutions to real-world problems. As frog’s healthcare design lead, he helps apply human-centred design principles and practices to the business challenges of pharma, medical device, and provider organisations. This includes extensive work in connected care solutions, patient support and adherence platforms, drug delivery devices, and new models of chronic disease management. Thomas was one of the founders of frog Milan 2005, and led the studio as General Manager for 5 years of sustained business growth before taking his current role.
Thomas joined frog from Flextronics, where he established and managed the European industrial design team, and helped build a specialised medical device development capability.  While at Flextronics he gained extensive first-hand experience of concurrent engineering and global manufacturing of medical devices, helping deliver many products into off-shore and near-shore mass production.
Prior to that he worked at Design Continuum in Milan, applying human-centered design processes to early-stage technology research and development projects. He started his career designing architectural components for the National Museum of New Zealand.
Thomas graduated in Industrial Design at Victoria University of Wellington in 1995, and also studied mechanical engineering and materials science at the Open University, UK.  His work has contributed to many international utility patents and has been recognised with awards including red dot, IDEA, and Japan Good Design.

Caterina Falleni

Caterina Falleni is a strategist designer and technology lover. She graduated in product and communication design at ISIA Firenze and worked at WAACS Design & Consultancy in Rotterdam, Netherlands, in Tanzania as interior designer and photographer and studied Product Design in Finland. She is currently living in Milan and working at Design Group Italia as strategic designer and research consultant. Her daily job is to design experiences, research trends, map new technologies and look for market opportunities for clients as 3M, Pepsico and Unilever.
In 2012 she won the Axelera Global Impact Competition with ‘Freeijis project’ -a cooling system which uses no electricity- for a full scholarship for the Graduate Studies Program at Singularity University, NASA Ames Research Center in California a transdisciplinary program which combines 10 weeks of outstanding business leaders and academics from around the world to develop solutions to solve the greatest challenges facing humanity.
Caterina is a multi-awarded designer in national and international design contest her projects are based on future vision possibilities, new technologies and new way of living in favor of clean, natural, sustainable and healthy ways of living. She is an experienced speaker having presented at conferences around the world as TEDx and Ciudad De las Ideas in Mexico.

Laurel Kroo

Team Prof. Manu Prakash
Laurel Kroo is a graduate student and innovator at Stanford University currently working in the Prakash Lab on the Foldscope Project: a one-dollar origami microscope for both disease diagnosis and science education. Laurel has a bachlors degree in Mechanical Engineering from Olin College, has filed multiple patents on her research in optical micro-lens design and is a 2014 Hertz Foundation Finalist. She has work experience at Apple Inc., the National Aeronautics and Space Administration (NASA), and several start-up companies.

Jaideep Prabhu

Jaideep Prabhu is Professor of Marketing, Jawaharlal Nehru Professor of Indian Business and Enterprise, and Director of the Centre for India & Global Business at Judge Business School, University of Cambridge. He has a BTech degree from IIT Delhi and a PhD from the University of Southern California, and has held positions at Cambridge, Imperial College London, Tilburg University (the Netherlands), and UCLA.
His research interests are in marketing, innovation, strategy and international business. In particular, he studies various cross-national issues concerning the antecedents and consequences of radical innovation in high-technology contexts. His current research is mainly on how multinationals are using emerging markets in Asia, Latin America and Africa as a lab to do affordable and sustainable innovation for global application.
He has published in and is on the editorial board of leading international journals such as the Journal of Marketing and the International Journal of Research in Marketing. He has appeared on BBC News24, BBC Radio 4 and Bloomberg BusinessWeek, and his work has been profiled in BusinessWeek, BBC World Service, The Economic Times, The Economist, The Financial Times, Le Monde, MIT Sloan Management Review, The New York Times, The Sunday Times and The Times. He has consulted with or taught executives from ABN Amro, Bertelsmann AG, Barclays, BP, BT, the UK Government, EDS, Egg, IBM, ING Bank, Laird, the NHS, Nokia, Philips, Roche, Shell, Siemens, Vodafone and Xerox, among others.
He is the co-author of Jugaad Innovation: Think Frugal, Be Flexible, Generate Breakthrough Growth, described by The Economist as “the most comprehensive book yet” on the subject of frugal innovation.

Carlo Mancosu

Nasce a Cagliari nel 1980. Nel 2009 è uno tra gli ideatori di Sardex.net. Tra il 2011 e il 2012 svolge l’attività di editorialista economico per il quotidiano di Cagliari “Sardegna Quotidiano”, trattando temi legati all’analisi macroeconomica e alla finanza. Negli ultimi anni ha partecipato in qualità di relatore a importanti festival, convegni ed eventi nazionali e internazionali. Attualmente in Sardex ricopre il ruolo di responsabile della comunicazione.

Ivana Pais

Dal 2005 ricercatrice in Sociologia dei processi economici e del lavoro. Insegna Sociologia
economica nella facoltà di Economia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Milano.
Studia le reti sociali e le comunità professionali digitali. Ha scritto: Crowdfunding. La via
collaborativa all’imprenditorialità (con P. Peretti e C. Spinelli), Egea 2014 e La rete che lavora,
Egea 2012. Scrive per La Nuvola del lavoro del corriere.it.

Stefano Epifani

E’ titolare della cattedra di Social Media Management, Università di Roma e della cattedra di Produzioni Multimediali all’Università di Urbino Carlo Bo. È Direttore del portale TechEconomy.it, dedicato all’impatto delle tecnologie al business ed alla comunicazione.
È consulente di numerose organizzazioni pubbliche e private (tra le quali Anci, Ancitel, Formez, DigitPA, Ministero dell’Istruzione e della Ricerca, Regione Lombardia, Regione Marche, Regione Lazio, ForumPA, Telecom Italia, Poste Italiane, IBM, Microsoft).
Collabora con organismi di ricerca nazionali (Enea, CNR) ed internazionali (Fraunhofer Institute in Germania, Eafit in Colombia). Fa parte di diversi tavoli istituzionali dedicati all’introduzione di sistemi e strumenti di Information & Communication Technology nella Pubblica Amministrazione ed è tra gli estensori dei Vademecum pubblicati da DigitPA per supportare le Amministrazione Pubbliche nell’adozione di modelli e processi operativi orientati al Digitale (Open Government, Comunicazione on-line, Social networking).
È autore di diversi testi, tra i quali: Manuale di comunicazione politica on-line (Istituto di Studi Politici San Pio V, 2011); Decidere l’Innovazione (Sperling & Kupfer, 2006); Learning Community: modelli collaborativi di gestione della conoscenza (Franco Angeli, 2004); Business Community: gestire il capitale intellettuale nell’economia della conoscenza (Franco Angeli, 2003); Internet per chi scrive (Gruppo Editoriale Jackson, 1996).

Alberto Onetti

Presidente Mind the Bridge Foundation, Coordinatore Startup Europe Partnership, Professore presso l’Università degli Studi dell’Insubria.
Proiettato nel futuro, diviso fra Europa e Stati Uniti, lavora per creare un ponte fra la Silicon Valley e le startup europee. Gli strumenti sono la Mind the Bridge Foundation e Startup Europe Partnership, l’iniziativa che la Commissione Europea gli ha affidato per sostenere la creazione di startup di successo. Presidente di Mind the Bridge Foundation, fondazione della Silicon Valley che promuove l’impenditorialità in Europa e nel mondo. Dal 2013 è stato scelto dalla Commissione Europea per guidare Startup Europe Partnership (SEP), programma volto a sostenere lo sviluppo delle migliori Professore presso l’Università degli Studi dell’Insubria di Varese e serial entrepreneur, ha contribuito ad avviare e fare crescere diverse aziende (tra queste c’è Funambol, società californiana leader al mondo nel campo del mobile personal cloud). Onetti scrive sul Corriere.it, ove coordina il blog Silicon Valley, e sul Corriere Innovazione.

Walter Passerini

Esperto di formazione e lavoro, è editorialista de La Stampa dove cura le pagine di lavoro, ha ideato e diretto gli inserti dedicati al lavoro e alla formzione dei principali quotidiani italiani (corriere lavoro, Corriere della Sera, Job 24, Sole 24 ore, Io lavoro, Italia Oggi, Tuttolavoro, La Stampa). Ha scritto numerosi libri sui temi del lavoro e dell’impresa. Attualmente docente a contratto presso la scuola di giornalismo “Walter Tobagi” dell’Università degli Studi di Milano.

Francesco Bombardi

Classe 72, romagnolo di nascita, reggiano d’adozione, laurea in Architettura al Politecnico di Milano dopo gli studi all’Escuela Tecnica Superior de Arquitectura di Barcellona.
Dopo un’ esperienza a Parigi nello Studio Mario Cucinella Architects e a Bologna da StudioIosa Ghini , nel 2001 apre BBStudio Architettura e Design a Reggio Emilia . Seguendo un percorso attraverso gli ambiti di Smart City e Smart Communities, finalizza una personale ricerca su, progetto -produzione -innovazione sociale con la fondazione nel 2012 di Fab Lab Reggio Emilia , powered by Reggio Emilia Innovazione, prima all’interno dello Spazio Gerra poi ai Musei Civici. Nel 2013 tra i soci fondatori dell’associazione Make in Italy. Nel 2014 coordinatore del gruppo Mak-ER , rete di Fab Lab Emiliano Romagnoli con il supporto di Aster. Dal 2012 tiene il corso di design industriale al dipartimento di Ingegneria Meccatronica e Gestionale dell’Università di Modena-Reggio.

Ernesto Belisario

Avvocato, si è specializzato con lode in Diritto Amministrativo e Scienza dell’Amministrazione.
Assiste imprese e pubbliche amministrazioni in questioni relative al diritto delle tecnologie (digitalizzazione e dematerializzazione, open government, open data, privacy, startup) e del diritto amministrativo (appalti, edilizia, urbanistica, responsabilità erariale e pubblico impiego) in ambito stragiudiziale e giudiziale. Autore di numerose pubblicazioni nelle materie di attività. Dal 2006, ha un blog sul diritto delle nuove tecnologie “Diritto 2.0” e collabora stabilmente con le testate “CheFuturo”, “Agendadigitale.eu”, “Wired.it”, “IlFattoQuotidiano.it”.
Docente in numerosi corsi e Master sui temi dei profili giuridici dell’innovazione e della digitalizzazione (tra i quali si segnalano: Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno, Scuola della Pubblica Amministrazione di Regione Umbria, Università della Basilicata, Università La Sapienza, Università Cattolica e del Sacro Cuore, Università del Salento). Partecipa come relatore a numerosi convegni nazionali e internazionali sulle materie di attività.
Già Presidente del Circolo dei Giuristi Telematici e dell’Associazione italiana per l’Open Government, è Direttore dell’Osservatorio sull’Open Government, Segretario Generale dell’Istituto per le politiche dell’innovazione e responsabile legale dell’Associazione Agorà Digitale.
È stato nominato dal Presidente dell’ISTAT componente della Commissione degli Utenti dell’Informazione Statistica ed è membro del tavolo di lavoro sulla trasparenza comunicativa insediato presso il Dipartimento della Funzione Pubblica. È altresì componente del Gruppo di esperti costituito dalla Regione Veneto per l’Agenda digitale regionale e membro della task force per l’Agenda Digitale della Regione Basilicata.

Chiara Spinelli

Comunicatrice per il settore pubblicitario e per la pubblica amministrazione, è stata tra i pionieri del crowdfunding in Italia, dando vita a una delle prime piattaforme italiane nel 2011. Oggi racconta felicemente storie per Registro.it (l’anagrafe dei domini presso il CNR), seguendo progetti dedicati alle startup ICT e al marketing della rete, e continua la sua attività di evangelist e consulente per progetti di crowdfunding in tutta Italia.

Martina Pennisi

Classe 1983, milanese, Martina Pennisi è una giornalista professionista esperta di innovazione, tecnologia e politica ed economia digitale. Collaboratrice del Corriere della Sera dal 2011, scrive anche per Wired Italia e coordina SmartMoney, testata dedicata all’evoluzione dei sistemi di pagamento e al futuro dei soldi.

Stefania Milo

Presidente nazionale CNA Giovani imprenditori
Imprenditrice di prima generazione da 10 anni, laureata in Scienze Politiche indirizzo socio-comunicativo, ha un’agenzia di comunicazione che si occupa di grafica cartacea e web (siti e web marketing), socia da 5 anni di una casa editrice e libreria specializzata in liuteria (strumenti ad arco). Presidente dei giovani imprenditori di CNA (imprese under 40) da novembre 2013, associazione di categoria che rappresenta gli artigiani e i piccoli imprenditori. La passione per i temi delle imprese l’accompagna in tutto il suo percorso professionale, fin dagli esordi e sempre impegnata nella vita associativa che le ha consentito di maturare una buona conoscenza del mondo della micro-impresa italiana, grazie anche all’esperienza maturata prima come vicepresidente provinciale CNA Cremona, poi presidente dei giovani imprenditori CNA Lombardia e attualmente come presidente nazionale. Scrive, in qualità di presidente giovani imprenditori per Chefuturo. Come giovani imprenditori, l’attività principale svolta è stata legata ai temi del digitale, l’artigiano digitale inteso non come professionista del web, ma il web come strumento a supporto dello sviluppo dell’artigianalità italiana e della piccola impresa. Della passione per il digitale ne ho fatto diventare anche ambito professionale.

Marc Garcia Fortuny

Marc Garcia è il co-fondatore di We Question Our Project, uno studio di service design situato a Barcellona. È un “professional questioner”, con un background in design e design thinking, e un MBA.
Marc lavora intensamente con enti governativi su progetti locali ed europei.
Li aiuta a migliorare i loro servizi creando spazi in cui tutto può essere messo in discussione e coinvolgendo cittadini e funzionari della pubblica amministrazione.

 

Tom Steinberg

Founder and Director, mySociety
Tom Steinberg is the founder and director of mySociety, an international non-profit group which aims to help people become more powerful in the civic and democratic parts of their lives, through digital means.
mySociety runs the popular UK transparency websites TheyWorkForYou and WhatDoTheyKnow, and problem-fixing sites FixMyStreet and FixMyTransport.  It also builds open source software to enable international re-use of mySociety’s projects.
Tom’s interest in technology and government comes from an unusual background in both fields. Having worked as a sysadmin and junior think-tank researcher, he became a policy analyst at the Prime Minister’s Strategy Unit from 2001 to 2003. He is a US/UK citizen and currently lives in Oxford.
In 2007 he co-authored the The Power of Information Review with Ed Mayo and the Strategy Unit, and from 2010-2012 was a member of the UK government’s Public Sector Transparency Board. He’s also proud to be an advisor to Code For America.

 

Philip Di Salvo

Journalist Philip Di Salvo is a PhD Candidate at Università della Svizzera italiana (Lugano, Switzerland). His fields of interest and research are digital whistleblowing and journalism. He works as web editor for the Italian website of the European Journalism Observatory. As a freelance journalist he writes mainly for Wired Italy.  

Guido Romeo

Co-Founder, Diritto Di Sapere, Data&Business editor, Wired Italy
Guido Romeo is data&business editor of the Italian edition of Wired and coordinator of the iData project of the Fondazione Ahref.
He is co-founder of Diritto di Sapere (Your Right To Know), a non-profit project advocating an Italian FOIA, and founder of Hacks/Hackers Italy in Milan.
He graduated from the University of Bologna and holds a journalism degree from the Ecole Supérieure de Journalisme in Lille, France and a masters in communications. In 2004 he was Armenise-Harvard science-writer fellow at the Harvard School of Medicine and winner of the Astra Zeneca award for science communication.
In 2007 he won the Piero Piazzano science and environment reporting award and the Amundsen prize for coverage of climate change. In 2009 he was awarded the Voltolino, Italy’s most prominent prize for science reporting.
For Nòva24, the science and technology insert of Il Sole 24 Ore, he managed Città illuminate (enlightened cities), a series of reports and conferences on development and growth in urban centres investing in innovation and creativity.
He was also producer and co-host on Radio24 of NòvaLab24, the daily programme on research, innovation and creativity.

Mike Rispoli

Communications Manager, Privacy International
Mike Rispoli is the Communications Manager for Privacy International, a London-based charity committed to fighting for the right to privacy across the world. Mike serves as the spokesman for PI and develops strategy for public engagement.
He has appeared on television and radio programs for the BBC, Sky News, and ITV, and has been quoted in several media outlets including the Guardian, Time, Al Jazeera, the Financial Times, the Sunday Times, Bloomberg, Wired, and Mashable.
Before joining PI, Mike was the Campaign and Media Strategist for Access, an international NGO that defends and extends the digital rights of at-risk users around the world. In a past life, Mike was a researcher at Columbia University’s Institute for TeleInformation, as well as a political journalist in the US.

Vincent Pons

Co-founder and partner, Liegey Muller Pons; Assistant Professor, Harvard Business School
A graduate from MIT and from Ecole Normale Supérieure of Ulm, Vincent Pons is a forthcoming Professor at Harvard Business School and the cofounder of the consulting company LiegeyMullerPons.
He has run several scientific field experiments on political participation and poverty in France, Kenya and India.
His work on electoral mobilization in France served as a theoretical framework for the 2012 national door-to-door canvassing campaign of François Hollande that he supervised with Arthur Muller and Guillaume Liegey.

Fabio Pietrosanti

Co-Founder, Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights
Fabio Pietrosanti has been part of the Italian digital underground scene with the nickname “naif” since 1995. He has been working in digital security since 1998.
Among the founders of the Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights, he is active in many projects aimed at creating and spreading the use of digital tools to support freedom of expression and transparency.
A member of Transparency International Italy, owner of Tor’s anonymity nodes, Tor2web anonymous publishing nodes, he is also among the founders of the Anonymous Whistleblowing GlobaLeaks Project, used by investigative journalists, citizen activists and public servants for anti-corruption purposes.
Fabio works on technological innovation in the field of whistleblowing, transparency, communication encryption and digital anonymity.
As a veteran of the hacking and free software environment, he participated to many community projects such as Sikurezza.org, s0ftpj, WinstonSmith Project, Metro Olografix and many others.
Professionally he worked as network security manager, senior security advisor, entrepreneur and CTO of a Startup doing mobile voice encryption technologies.


Aline Pennisi

Public Policy Analyst, Italian Ministry of Economy and Finance, Technical and Scientific Committee OpenCoesione
Aline is an public policy analyst, working at the Italian Ministry of Economy and Finance.
Interested in experimenting ways to bring the management of democracy back into the public realm, she has been actively promoting open data and civic monitoring projects.
She participates to one of Italy’s major open government initiatives, OpenCoesione.
This open data portal accounts for over hundreds of thousand ongoing projects financed by EU structural funds and targeted national resources, worth approximately 10 billion euros per year. Through the publication of open, detailed and high-quality information on individual projects, OpenCoesione reaches out for citizen engagement.
It is further powered by Monithon, a tool for civic partners and individual citizens to press forward and report on malpractice, but also to collaborate in making all these projects work, by accelerating their completion and understanding how they respond to local demand.
Aline is also vice-president of the Openpolis association, committed to enable free access and understanding of public information on political activities, as well as on public finance.

Antonella Napolitano

Europe Editor, Personal Democracy Media
Antonella Napolitano is PDM Europe editor and works as social media consultant.
She is also editor and outreach coordinator for Diritto Di Sapere, an Italian NGO that works to enhance access to information in Italy and abroad.
In the past she served as consultant and volunteers coordinator for UDC, a moderate Italian party; as community manager for Kublai, a project of the Italian Ministry of Economic Development, and worked at the Consulate of Italy in New York. She also co-founded Micromacchina, a nonprofit association that works on enhancing citizens participation.
She is the author of Facebook e la comunicazione politica (Apogeo, 2013) and writes about tech and politics for several Italian newspapers.
Antonella holds a M.A. in Media Studies from University of Bologna, in Italy, and was Research Fellow at Vassar College. Her personal blog (in Italian) is called Vassar Stories.

Sam Lee

Open Data Specialist, World Bank Group
Sam is an Open Data Specialist with the Open Finances program, which aims to make financial data about the World Bank’s activities readily available, re-useable, and useful to the public-at-large and various stakeholder groups. As part of this work, he also works to apply open data principles and practices to help reach project objectives and advance development outcomes- including recent research on the Demand for Open Financial Data.
When he is not geeking out over international development, open data, innovation, and social media, Sam particularly enjoys photography, college football (the kind where there is minimal contact between the foot and the ball), and spending time with his wife and sons.
Prior to joining the World Bank in 2011, Sam has served as an international policy specialist for the US government, designed and monitored aid-delivery mechanisms in North Korea for a medical relief NGO, and served as a public relations officer for Habitat for Humanity, International & the Jimmy Carter Work Project.
Sam holds a Master’s in Public Policy from the Harvard Kennedy School of Government and Bachelor’s degrees in Economics and Political Science from Rutgers College in New Jersey.

Júlia Keserű

International Policy Manager, Sunlight Foundation
Júlia Keserű is the International Policy Manager at the Sunlight Foundation and oversees its international work. Coming from the Hungarian transparency community, Júlia has been an advocate for open government and an expert on open data issues with a special focus on political finance and corruption. She has spoken internationally on technology and transparency and regularly writes about the challenges and the potential of the global open government movement. Júlia holds a Masters degree from International Studies and studied political sciences, international law, sociology and philosophy at Corvinus University Budapest, Free University Berlin and the College for Social Theories in Budapest.

Anthony Hamelle

Director, AppliedWorks
Anthony Hamelle is Director at Applied Works, a London-based digital and technology studio that is driven by curiosity and a desire to enlighten.
Working at the forefront of data journalism with The Times or the BBC, helping think tanks and NGOs such as Chatham House or the Mo Ibrahim Foundation tell stories with data, Applied Works has developed a strong expertise around the simplification and narration of complex issues.
A London School of Economics and Political Science graduate in Law, Anthony’s career spans opinion research, public affairs (Havas), social media research (linkfluence) and advertising (BBDO).
An associate lecturer at the Sorbonne University and Sciences Po Paris, he has worked on several public interest (French 2010 Retirement Reform) and political campaigns (Digital Director for Dominique de Villepin 2012).

 

Dymitro Gnap

Investigative Journalist
mytro Gnap engaged in investigative journalism for the past five years. Ten years before that worked in television journalism in all positions: from reporter to editor-in-chief. As an investigative journalist he worked on the “Exclamation mark” TV program (TVi-channel). For this program he produced many resonant investigations: “Royal Hunt of Victor Yanokovych”, “Crimean Cedar for President”, “Prosecutros-Rogues” et al. Gnap also was a reporter for the top Ukrainian on-line media “Ukrainska Pravda”. These investigations not only interested the public, but forced the authorities to take appropriate action. In investigations, Gnap specializes in two subjects: large scale corruption and serious crimes (murder, kidnapping, etc.). He is also one of the activists of the Ukrainian journalist movement “Stop Censorship!” Together with other members of this movement Gnap produces the independent internet broadcast “Hromadske.TV”. He’s provided a number of trainings for young investigative journalists through programs with the US Embassy in Ukraine, European Council, MediaNext etc.

Luciano Floridi

Professor of Philosophy and Ethics of Information, Oxford Internet Institute, University of Oxford
Luciano Floridi is Professor of Philosophy and Ethics of Information at the University of Oxford, Senior Research Fellow and Director of Research at the Oxford Internet Institute, and Governing Body Fellow of St Cross College, Oxford. He is also Adjunct Professor, Department of Economics, American University, Washington D.C.
His main areas of research are the philosophy of information, the ethics of information, computer ethics, and the philosophy of technology.
Among his recognitions, he has been awarded a Fernand Braudel Senior Fellowship by the European University Institute (2015) and the Cátedras de Excelencia Prize by the University Carlos III of Madrid (2014-15). He held the UNESCO Chair in Information and Computer Ethics and the Gauss Professorship at the Academy of Sciences in Göttingen.
He is a recipient of the APA’s Barwise Prize, the IACAP’s Covey Award, and the INSEIT’s Weizenbaum Award. He is an AISB and BCS Fellow.
In 2012, he was Chairman of EU Commission’s “Onlife Initiative” and is currently one of the five members of Google’s Advisory Board on “the right to be forgotten” (2014).
His most recent books are: The Fourth Revolution – How the infosphere is reshaping human reality (Oxford University Press, 2014), The Ethics of Information (Oxford University Press, 2013), The Philosophy of Information (Oxford University Press, 2011), The Cambridge Handbook of Information and Computer Ethics (editor, Cambridge University Press, 2010), and Information: A Very Short Introduction (Oxford University Press, 2010). (picture courtesy of Tim Muntinga)

 

Helen Darbishire

Founder and Director, Access Info Europe
Helen is a human rights activist who specialises in the public’s right of access to information, and development of open and participatory democracies.
Passionate about the role of civil society in effecting change, Helen is a founder of the global Freedom of Information Advocates Network, and served two terms as its chair (2004-2010). She is a founder board member of the pro-transparency organisations Civio (Spain) and Diritto di Sapere (Italy), and a board member of the Open Knowledge Foundation Spain.
Helen led access to information activities at the Open Society Foundations (1999-2003) and was a campaigner with Article 19 (London), establishing its programmes in central and eastern Europe. She has advised UNESCO, the Council of Europe, the OSCE, and the World Bank.
Helen’s degree in Psychology and History & Philosophy of Science from the University of Durham (UK) has nothing and everything to do with her enthusiasm for information, data and the role of new technologies in advancing human rights.

FABIO CHIUSI

Journalist
Fabio Chiusi is a freelance journalist (Repubblica, L’Espresso, Wired) and blogger (ilNichilista, Chiusi nella rete) who regularly writes about Internet censorship, surveillance and the complex relationship between digital technologies, politics and society.
He is the author of ‘Critica della Democrazia Digitale’ (Codice, 2014).

Debra Solomon

Nel 2009 l’artista olandese Debra Solomon fonda Urbaniahoeve, un Social Design Lab per l’Agricoltura Urbana, iniziando a creare paesaggi ecologici commestibili nel distretto Schilderswijk della città de L’Aia. Dal 2010 Urbaniahoeve ha creato una serie di infrastrutture resilienti legate al cibo in diverse zone de L’Aia e di Amsterdam.

Ad oggi Urbaniahoeve ha creato oltre 10 ettari di paesaggi commestibili, pensando lo spazio pubblico urbano come foodscape ecologicamente coerente all’interno di città socio-naturali produttive. Il nome Urbaniahoeve significa ‘la città come la nostra azienda agricola’, simbolo del desiderio di trasformare la città in un luogo in cui gli abitanti possono ritornare alla campagna.

Prima di Urbaniahoeve Debra Solomon si è occupata di altri progetti legati al cibo, come ad esempio Lucky Mi Fortune Cooking, una cucina aperta che riutilizzava le eccedenze dei mercati all’aperto e tutte le infrastrutture e le facilities correlate. Nel 2007 ha co-curato la Edible City dell’Istituto Olandese di Architettura ed è stata la responsabile della sezione food e designer di DOTT07 Urban Farming Project, un evento di design a Newcastle (UK).
Nel 2008 è stata invitata come designer alla biennale internazionale di design di Saint-Etienne’s (FR), la Cité du Design, dove ha esposto strumenti comunitari per il cibo e la sostenibilità (City Eco Lab).
Dal 2005 al 2012 è stata autrice di CULIBLOG.ORG, un weblog sul cibo, la cultura del cibo e la cultura che contribuisce a far crescere i nostri cibi, raggiungendo fino a 70.000 lettori unici al mese.

Learn more about this on the website

Martin Dittus

Martin Dittus si occupa di data-gathering communities all’Intel Collaborative Research Institute (ICRI) dello University College London (UCL).
Nel suo lavoro combina analisi di dati su larga scala con la sua esperienza nelle comunità e nei loro processi informali.
Che significato ha il fatto che oggi possiamo costruire sistemi dove centinaia di migliaia di persone possono incontrarsi per lavorare a uno scopo comune?
Nel suo attuale lavoro studia i processi informali di OpenStreetMap, un progetto di mapping collaborativo che dà grande importanza alla governance delle community, alle organizzazioni individuali e ai gruppi autogestiti su base regionale o su interessi specifici.
In passato ha fatto ricerca per Cosm, una community online in cui decine di migliaia di collaboratori forniscono feed di dati in tempo reale attraverso sensori coprendo in questo modo molti fenomeni urbani e ambientali.
È membro del CdA di London Hackspace, uno spazio no-profit di workshop a East London gestito da una comunità, con già 1000 membri e in crescita; e del comitato consultivo di Trampery, uno spazio di lavoro condiviso in espansione sempre a East London.
È stato uno dei fondatori di Hack the Barbican, il movimento che grazie a un consistente numero di persone legate a discipline diverse occupò per un mese nel 2013 il foyer del Barbican Centre di Londra.
Fa anche parte del team organizzativo di Electromagnetic Field, un camping festival inglese che si tiene ogni due anni per tutti coloro che hanno una mente curiosa o un interesse nel creare cose.
Martin ha anche trascorso diversi mesi con Occupy London ed è stato coinvolto nel coordinamento di questa ampia e diffusa comunità.
Martin ha studiato informatica a Berlino e gli è stata conferita una laurea magistrale al Centre for Advanced Spatial Analysis (CASA) della UCL.
Fino al 2011 ha lavorato come sviluppatore di software e project manager per la startup Last.fm, una online music community con millioni di utenti.

Chiara Spinelli

Chiara Spinelli, comunicatrice per il settore pubblicitario e per la pubblica amministrazione, è stata tra i pionieri del crowdfunding in Italia, dando vita a una delle prime piattaforme italiane nel 2011. Oggi racconta felicemente storie per Registro.it (l’anagrafe dei domini presso il CNR), seguendo progetti dedicati alle startup ICT e al marketing della rete, e continua la sua attività di evangelist e consulente per progetti di crowdfunding in tutta Italia.

Martina Pennisi

Classe 1983, milanese. Giornalista professionista, si occupa di tecnologia e digitale. Gestisce la testata SmartMoney e collabora con il Corriere della Sera e Wired Italia.

David Wolman

David Wolman è un giornalista e poliedrico scrittore americano. Collabora regolarmente con Wired Usa e in passato ha scritto per il New York Times, il Geographic Traveler e Outside. Ha pubblicato nel 2005 A Left-Hand Turn Around the World e tre anni dopo Righting the Mother Tongue. Sempre nel 2008, in un reportage dall’Egitto ha rivelato al mondo l’esistenza di un gruppo di attivisti che si serviva di Facebook per combattere il regime di Mubarak. Avrebbe successivamente raccontato la loro storia nel suo The Instigators. The End of money, il suo quarto manoscritto, traccia la storia della moneta contante: dalle banconote cinesi che stregarono Marco Polo ai loro surrogati tecnologici odierni, dai pagamenti via cellulare alla moneta virtuale.

Sebastiano Scròfina

Sebastiano Scròfina è nato a Roma nel 1984. Laureatosi in filosofia, si occupa dal 2003 di sistemi monetari non convenzionali: in quell’anno quando ideò Ecoroma, la prima moneta complementare in Italia. È cofounder di Dropis, sistema online di economia partecipata che prevede credito di baratto che per comprare e vendere senza usare denaro. È inoltre partner in CoinCapital, il primo network italiano di consulenza su monete matematiche.

Andrea Rangone

Andrea Rangone è stato fondatore di diverse imprese nell’ambito dell’Information and Communication Technology. Coordina il progetto Start-up Boosting, che si propone di supportare le idee di business e i progetti imprenditoriali più innovativi e promettenti. Dirige inoltre alcuni corsi executive presso il MIP ed è direttore degli Osservatori ICT & Management della School of Management del Politecnico di Milano, dove è professore ordinario di Business Strategy ed E-business. È autore inoltre di numerosi libri su digital economy, mobile business e gestione strategica dell’ICT.

David Orban

Nato a Budapest nel 1965, David Orban è oggi l’amministratore delegato di Dotsub, società newyorkese creatrice dell’omonima piattaforma online che consente la creazione e la condivisione di sottotitoli a video con milioni di utenti. È il fondatore di WideTag, startup che si propone di rendere accessibile a tutti, senza barriere, al rete, e soprattutto Internet of things. E’ advisor e membro della facoltà della Singularity University. Già presidente di Humanity+, Orban partecipa oggi a molte conferenze di livello internazionale su Web e nuove tecnologie. È anche uno dei creatori dell’Open Government Data working group, nato per promuovere trasparenza e accessibilità ai dati governativi.

Riccardo Luna

Riccardo Luna è nato a Roma nel 1965. Ha collaborato inizialmente con Il Messaggero e Avvenire. Assunto da Repubblica nel 1991, ne diventa caporedattore sette anni dopo. È stato il primo direttore di Wired Italia. Dal 2012 è membro del CdA di Oxfam Italia e fondatore nonché presidente di Wikitalia, associazione di civic hacker a favore dell’open government. Sempre nello stesso anno lancia, e diventa direttore, della rivista online CheFuturo!. Ha collaborato con il MIUR nella coordinazione del tavolo di lavoro per la riforma della scuola e, nel 2013, ha pubblicato il libro Cambiamo tutto! La rivoluzione degli innovatori.

ROBERTO FERRARI

Roberto Ferrari ha iniziato nel 1991 come brand manager in Procter&Gamble, dove sei anni dopo diventerà marketing director per l’Europa occidentale. Nel 2002 è direttore di marketing e vendite per l’ACI e nel 2006 entra in Compass, società di credito al consumo di Mediobanca, come direttore marketing. Oggi è board member di Mediobanca Innovation Services e General Manager di CheBanca!.

Nicola Zingaretti

Nato nel 1965 a Roma. Nel febbraio 2013 è stato eletto presidente della Regione Lazio con 1.330.398 voti.

Prima è stato presidente della Provincia di Roma (dal 2008 al 2012), deputato al Parlamento europeo e consigliere comunale di Roma.

LE PRIME ESPERIENZE POLITICHE
Inizia il suo impegno nell’associazionismo prendendo parte al movimento per la pace nel 1982. A diciassette anni è stato tra i fondatori dell’associazione di volontariato antirazzista ‘Nero e non solo’, impegnata nelle politiche dell’immigrazione e per una società multietnica e multiculturale.
Nel 1991 viene eletto Segretario Nazionale della Sinistra Giovanile e l’anno successivo Consigliere Comunale di Roma. Sono anni di grande impegno per lo sviluppo sostenibile e in difesa dell’ambiente, della legalità e contro la mafia.

L’IMPEGNO INTERNAZIONALE
Dal 1995 al 1997 Nicola Zingaretti è presidente dell’Unione Internazionale della Gioventù Socialista (IUSY) e Vice Presidente dell’Internazionale Socialista.
In questi anni lavora per ricostruire la rete con i partiti e le organizzazioni giovanili democratiche e progressiste in Bosnia-Herzegovina e si impegna per il processo di pace tra Israele e Palestina.

L’ATTIVITÀ POLITICA
Dal 1998 al 2000 è responsabile delle Relazioni Internazionali presso la Direzione Nazionale dei Democratici di Sinistra.
Nel 1999, con una delegazione DS, è stato in Birmania per sostenere il ‘movimento per la democrazia’, incontrando il Premio Nobel per la Pace 1991 Aung San Suu Kyi. Lo stesso anno organizza il viaggio del Dalai Lama a Roma.
Nel 2000 viene eletto segretario dei Democratici di Sinistra di Roma.

A BRUXELLES E IN ITALIA
Nel marzo del 2004 viene eletto al Parlamento Europeo con 213.000 preferenze e diventa  presidente della delegazione italiana nel Partito Socialista Europeo.
Al Parlamento europeo Zingaretti si occupa di protezione dei consumatori, volontariato, disabilità e diritti civili. Lavora in difesa dell’industria tessile europea e per il ‘made in Italy’.
Nel 2007 riesce a far approvare una direttiva che attribuisce sanzioni penali per i contraffattori che importano merci illegali e pericolose dai paesi extra-UE. Per questo riceve la nomination al MEP Award, il prestigioso riconoscimento che viene attribuito ogni anno ai deputati europei più meritevoli.
Nel novembre 2006 viene eletto al primo turno Segretario regionale del Lazio dei Democratici di Sinistra. L’anno successivo, alle primarie del Partito Democratico viene eletto con 282.000 voti (85,31%) Segretario del Pd nel Lazio.

PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI ROMA
Il 28 aprile 2008 viene eletto Presidente della Provincia di Roma dove realizza una serie di progetti con l’obiettivo di migliorare la qualità della spesa pubblica, la vita nei quartieri e nelle città e contribuire allo sviluppo economico del territorio.
Fra i progetti più importanti Provincia Wi-Fi, che permette di navigare gratis in internet in piazze, biblioteche e luoghi di ritrovo a Roma e in provincia. Nel 2011 inaugura Porta Futuro, un innovativo centro per il lavoro e la formazione.

PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO
Nel febbraio 2013 è stato eletto presidente della Regione Lazio con 1.330.398 voti. Il 12 marzo 2013 è stato proclamato dalla Corte

Guido Fabiani

Professore emerito di Politica economica (ordinario nel 1980), è stato Preside della Facoltà di Economia “Federico Caffè” dal 1° novembre 1992 al 31 ottobre 1998.
Laureato in Scienze agrarie, ha abbandonato gli studi agronomici per specializzarsi in problemi dello sviluppo economico del Mezzogiorno alla scuola di Manlio Rossi-Doria in Portici e in Teoria della pianificazione. 
Su quest’ultimo tema ha studiato in particolare i problemi della pianificazione economica in URSS, come visiting researcher alla London School of Economics, con Peter Wiles e Alfred Zauberman.
Ha insegnato nelle Facoltà di Giurisprudenza (Università di Salerno), di Economia (Università di Modena), di Agraria e di Economia (Università di Napoli) e di Economia (Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e Università degli Studi Roma Tre). Nel tempo ha tenuto corsi di Teoria della pianificazione economica, Economia dei mercati agricoli, Economia agraria, Politica economica agraria ed Economia dell’ambiente. È stato tra i più stretti collaboratori di Manlio Rossi-Doria. Con lui ha partecipato a ricerche che hanno caratterizzato negli anni sessanta/settanta, assieme ai lavori di Fuà, Sylos Labini e Saraceno, l’intervento di programmazione territoriale e regionale. I suoi interessi vertono sui temi di analisi e politica economica dei sistemi agricolo-industriali italiani ed internazionali e sui temi della programmazione territoriale regionale e dello sviluppo nel Mezzogiorno. Ha collaborato sul piano scientifico con varie istituzioni nazionali e internazionali, tra cui: ISTAT, Formez, Ministero dell’Ambiente, Ministero dell’Agricoltura, Cooperazione allo Sviluppo, UE, CNEL, ONU, FAO, IPALMO. Ha partecipato alla valutazione del primo censimento dell’agricoltura cinese come componente di una commissione internazionale. È stato Copeland Fellow all’Amherst College (Massachusetts, USA). Rettore dell’Università degli Studi Roma Tre dal 1998 al 2013, è stato Presidente del Comitato Regionale di Coordinamento delle Università del Lazio (CRUL) da luglio 2006 a marzo 2013.
Assessore allo Sviluppo Economico e Attività Produttive nella Giunta Zingaretti della Regione Lazio da marzo 2013.
A luglio 2014 è nominato Rappresentante delle Regioni Italiane nella Cabina di Regia sulle politiche per lo Spazio voluta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

James Hanusa

James Hanusa è Chief Innovation Artist at UIX Global and Global Advisor per  Burning Man Project. Il suo lavoro è focalizzato sullo sviluppo economico urbano, la creazione di ecosistemi di innovazione e sull’applicazione di processi creativi alla costruzione delle città. Suo ultimo incarico è legato all’ organizzazione politica digitale e alla cultura delle startup nella zona di San Francisco Bay, in quella che lui chiama “design driven development”.

È stato nominato capo progettista per la prototipazione per la conferenza Future & Expo che si terrà a San Leandro, California il 12 novembre. James sta attualmente lavorando ad un programma che combina impresa sociale e cultura maker , e alla Participatory Cities conference che si svolgerà nel 2015. James ha un MBA in International Management, conseguito presso la Thunderbird School of Global Management e una laurea in Marketing della Arizona State University.

Learn more about this on the website and following twitter

Marco Cochrane

Marco Cochrane è figlio di artisti americani, nato a Venezia nel 1962 e cresciuto nella California del Nord, subendo l’influenza del movimento politico e culturale di quei tempi, imparando così il rispetto per l’unicità, l’equilibrio e l’imperativo di rendere il mondo un posto migliore. Marco e’ stato sempre particolarmente sensibile alla lotta delle donne contro l’oppressione, ritenendo l’energia e il potere femminile critiche per l’equilibrio del mondo. Ben presto Marco decise di dedicare la sua vita alla realizzazione di questa visione, anche se mai avrebbe pensato che l’arte potesse essere suo strumento di battaglia. Ventenne, iniziò a scolpire, scoprendo così sia la sua capacità di catturare le emozioni e l’energia, sia il potere dell’arte di amplificare, così come avviene in particolare nella sua serie monumentale, Il Progetto Bliss.

Marco crede che il tempo che abbiamo per risolvere i problemi che minacciano la nostra esistenza su questo pianeta si stia esaurendo, e che la chiave per trovare soluzioni reali e durature sia nel portare l’energia femminile in equilibrio con l’energia maschile: un cambiamento globale, già evidente  nei movimenti che si battono per la conservazione, la giusta distribuzione e la condivisione delle risorse collettive. La sua ultima passione è legata alla creazione di laboratori permanenti di innovazione.

Ingrid Stange

Ingrid Stange è fondatrice e presidente di Partnerhsip fo Change (PFC) e del Fondo per l’Innovazione Sociale PCF.  Siede anche in vari consigli di amministrazione di organizzazioni dedicate all’innovazione sociale, allo sviluppo di business sostenibili  e al cambiamento climatico ed è  vice presidente del principale think tank norvegese, Civita. E’ membro dell’advisory board del Centro per la pace e i diritti umani di Oslo, del Sahara Forest Project e di Ashoka Norway.

Dopo aver conseguito un master presso la Norwegian School of Economics e un MBA presso l’Università di Berkeley UC, ha lavorato in McKinsey & Co e nel Venture Capital, prima di dedicarsi completamente (negli ultimi 25 anni) al settore dell’imprenditoria sociale e della venture philanthropy. A lei si deve l’introduzione del metodo Montessori in Norvegia e l’istituzione di varie fondazioni per bambini e giovani con disabilità.

Maria do Carmo Marques Pinto

Maria do Carmo Marques Pinto è presidente del Consiglio operativo della Banca di Innovazione Sociale  (BIS) e direttore del dipartimento per l’Imprenditoria e l’economia sociale della Santa Casa da Misericórdia di Lisbona.

Con un background in Legislazione Internazionale e Affari dell’Unione Europea, Maria do Carmo Marques Pinto e’ stata membro del governo e Advisor per gli affari europei per il primo ministro della Bulgaria, segretario generale del “Patronat Catalunya-Món”, Direttore Generale per le relazioni internazionali per il governo della Generalitat della Catalogna, fondatrice e segretaria generale della “Fondazione Catalogna e Portogallo” e consigliere legale per il Segretario Generale della Commissione Europea.

Maria do Carmo Marques Pinto e’ anche tra i soci fondatori e Senior Advisor (1997-2013) in Affari Internazionali e dell’Unione europea presso GEA – Barcelona European Consulting, e Docente di Diritto dell’Unione europea presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Pompeu Fabra di Barcellona (1997-2010). Parla cinque lingue (portoghese, inglese, tedesco, spagnolo, francese, catalano e bulgaro).

Marco Carugi

China Unicom
Marco Carugi è un consulente nell’area della tecnologia delle telecomunicazioni e della standardizzazione. Attualmente collabora con China Unicom per i requisiti e l’architettura di servizi avanzati e reti.

Gabriel Antonio Marão

Worked for innovative companies like Engesa and IBM
Gabriel Antonio Marão: Ingegnere Elettronico, ha sviluppato lungo tutta la sua carriera innovazioni e nuove tecnologie. H alavorato per aziende innvoative, come Engesa e IBM. Nel gruppo Itau ha fatto una carriera molto diversificata, rimanendo per oltre 30 anni nel settore bancario e delle telco.

Fabio Gandour

IBM Brasil Chief Scientist Brazil Research Lab, Brazil
Fabio L. Gandour, M.D., ha una laurea in medicina e una specializzazione in Scienze dell’Informazione. Ha speso tempo e forze per sviluppare i concetti di “scienza degli affari”, concetti qui quali il Laboratorio di Ricerca Brasiliano (BRL) e’ stato costituito. I suoi interessi sono nell’High Performance Computing e nei suoi usi innovativi in campi tradizionali.

Britta THOMSEN

Member of European Parlament, Committee on Industry, Research and Energy
Britta Thomsen è un politico Danese e membro del parlamento Europeo. E un membro del paritio Socialdemocratici, che fa parte del Partito Socialista Europeo, ed e’ vicesegretario del comitato del Parlamento Europeo sull’Industria, Ricerca e Energia.

Vanda Scartezini

Perform, POLO ASSOCIATES, ICANN- Internet Corporation for Assigned names and Numbers
Vanda Scartezini, di cittadinanza brasiliana, e’ un ingegnere eletronico. Ha ricoperto numerose posizioni in aziente tecnologiche private e in uffici pubblici, come per esempio Ppesidente dell’Ufficio Brevetti Brasiliano e Segretario Nazionale per le tecnologie dell’Informazione, tra le altre.

JEAN PREVOST

Entrepreneur
Dopo essere stato 5 anni consulente del presidente e direttore dell’innovazione del gruppo Casino (Monoprix), ha creato un laboratorio di marketing etnico dove si sviluppa una visione del mondo di domani, lavorando su citta intelligenti e temi relativi, a livello Francese, Europeo e Mondiale.

Chiara Tonelli

PhD in Architectural Technology
Chiara Tonelli è un professore associato ricercatore universitario in Tecnologia dell’Architettura. È team leader del primo gruppo italiano ammesso alla competizione internazionale Solar Decathlon Europe, con un prototipo di casa, denominata ‘MED in Italy’, alimentata da energia rinnovabile.

Rufo Guerreschi

CEO of Open Media Park
CEO di Open Media Park, un parco tecnologico di 47.000 mq a Roma e direttore di Open Media Cluster, una organizzazione no-profit basata sulla ricerca e sviluppo di leading-edge enhancing technologies e di tecnologie e contenuti web di nuova generazione

Rob van Kranenburg

Founder, the Internet of Things Council
E’ il co-fondatore di bricolabs e ha fondato “Council”. Attualmente occupa la posizione di Community Manager nel progetto Europeo “Sociotal”

Denis Roio

Researcher in philosophy of technology
Denis Roio, aka Jaromil, è un ricercatore in filosofia della tecnologia e un artigiano digitale.

Gérald Santucci

European Commission
Nel giugno 2012 Gérald Santucci è stato nominato capo dell’unità di Knowledge Sharing alla Direzione Generale della Commissione Europea per le reti di comunicazione, dei contenuti e della tecnologia (DG CONNECT). Coordina gli sforzi per rendere DG CONNECT la migliore unità in Knowledge Sharing in seno alla Commissione europea.

Marie-José Montpetit

Lecturer and researcher at the MIT Comparative Media Studies.
Dr. Marie-José Montpetit è un docente e ricercatore al MIT Comparative Media Studies e consulente per le start-up di Internet e il social networking nell’area di Boston.

Bernard Benhamou

Senior Lecturer on Internet policy at Universite’ Pantheon Sorbonne
In passato e’ stato delegato inteministeriale per l’uso di Internet nel ministero dell’economia digitale, in Francia. Ha fondato ed e’ il direttore di Proxima Mobile, il primo portale Europeo di servizi nomadici per i cittadini.

RYO IMURA

Global new business development – Ricoh Company
In parallelo alla sua posizione con Ricoh e prima con Hitachi, e’ un professore dell’Univerista di Tokyo e tiene delle lezioni per il corso in Master of Business Administration alla Haas School of Business, UC Berkeley. Inoltre, fa parte dello Sceintific Advisory Board del KTH (Royal Institute of Technology), in Svezia.

Layne Hartsell

Layne è un ricercatore presso varie Istituti e Fondazioni: nella P2P Foundation si occupa di filosofia dell’etica e tecnologia,  presso l’ Asia Institute  di Seoul  lavora nell’ambito della convergenza tecnologica mentre presso la Tsukuba University (Giappone) collabora al “Programma 3E” (Energia, Economia e Ambiente). E’ anche Professiore al Centro Coreano per le Scienze Umane digitali della Sookmyung Women’s University.

La sua expertise è legata all’accesso alla tecnologia da una prospettiva di giustizia globale.

Ha inoltre collaborato a progetti di ricerca presso: Sensorica Labs (Montreal); Mahidol University, Siriraj Medical Center, Department of Molecular Biology and Bioinformatics (Thailand); Chulalongkorn University Center for Ethics in Science and Technology (Bangkok); Research Institute for Asian Women and Asia-Pacific Women’s Information Network Center, Sookmyung University (Seoul); P2P Convergence Group for Open Reasoning, Fukushima Research Group.

ALASTAIR GRAHAM

Dal Febbraio 2010 Alastair è Direttore della Golden Lane Housing (GLH), la charity immobiliare nazionale per le persone con disabilità di apprendimento in Inghilterra e Galles.  GLH ha ora oltre 1.400 inquilini in tutto il paese e offre alloggi su misura per le esigenze e le aspirazioni di ogni singolo inquilino.

Nel 2013 Alastair ha lanciato la più grande emissione obbligazionaria di beneficenza del periodo, raccogliendo finanziamenti per 10 milioni di sterline, che hanno poi permesso a GLH di investire nell’ acquisto di 27 immobili in tutto il paese, i quali ospitano oggi 99 inquilini con difficoltà di apprendimento.  Nel 2014 Alastair è stato il promotore del primo charitable bond ad esser quotato al London Stock Exchange. Così ha ottenuto 11 milioni di sterline,  poi utilizzati per fornire altri 30 immobili sul territorio nazionale, creando così una base duratura di sviluppo del settore dell’edilizia sociale per persone con difficoltà di apprendimento.

Prima della sua esperienza in Golden Lane Housing, nei sette anni in cui ha lavorato come Amministratore Delegato della Oldham Rochdale Housing Market Renewal Pathfinder, Alastair ha portato avanti un importante programma di rinnovamento urbano nel territorio di Manchester. Ha guidato operazioni da 250 milioni di sterline di fondi pubblici e 450 di origine privata, attraverso grandi interventi di acquisto e sviluppo immobiliare attuati in consultazione con la popolazione locale.

Il background di Alastair è nell’edilizia sociale: è stato direttore del dipartimento di Finanza e Sviluppo di First Choice Housing Oldham nel periodo in cui quest’ultimo possedeva circa 15,000 proprietà immobiliari, ed ha ricoperto vari ruoli nel settore immobiliare e finanziario a Londra e nel Buckinghamshire.

Zack Jacobson-Weaver

Zack Jacobson-Weaver è attualmente un dottorato di ricerca presso il Colorado ATLAS Institute che indaga “Come può l’open-source responsabilizzare tutti coloro disposti a insegnare a diventare una ‘scuola pubblica’?”. Zack esplora il vero movimento maker dalla base e il suo utilizzo dell’hardware e del software open-source come catalizzatore per una istruzione post-pubblica non-standardizzazata e anti-disciplinare. Di recente, ha insegnato fabbricazione digitale e interaction design presso la Facoltà di Architettura alla Carnegie Mellon University di Pittsburgh, USA. Come parte del gruppo di ricerca ‘Human-Machine Virtuosity’ in fabbricazione robotica e interattiva, Zack applicato la sensibilità open-source allo sviluppo di un “ adattatore universale periferico”, atto a incoraggiare la collaborazione e gli strumenti aperti all’interno di questa piccola comunità. Zack è un diplomato del Master in Tangibile Interaction Design al Carnegie Mellon e del Michigan School of Art and Design.

Yasmin Elayat

Yasmin Elayat è una creativa, tecnologo, interaction designer e new media artist la cui passione è all’intersezione delle arti e della tecnologia. Il suo lavoro mira a espandere i confini delle esperienze coinvolgenti, che vanno dalle installazioni interattive per spazi fisici, alle installazioni video, ai documentari interattivi per il web. Yasmin è co-creatore di 18 Days In Egypt: A Participatory Interactive Documentary Project about the Egyptian Revolution, progetto vincitore del Tribeca New Media Fund grant eHonorary Mention nella Categoria Digital Communities ad Ars Electronica 2012, inoltre selezionato dal Sundance Institute New Frontier Lab, e recentemente nominato uno dei Moments of Innovation in Participatory Documentary al MIT Open Documentary Lab e IDFA DocLab. Il progetto ha portato alla creazione di un programma di incubazione di citizen-journalism chiamato The Egypt Journalism Project nel 2013. Yasmin è anche il co-fondatore di GroupStream, una piattaforma di visual storytelling di gruppo. Yasmin è un membro di OpenLabEgypt, un collettivo di arte e media al Cairo che promuove la tecnologia open source e la cultura della collaborazione. Nel 2014, Yasmin è stata nominata da di GOOD Magazine nei GOOD 100, un “numero dedicato alla presentazione delle 100 persone che stanno spingendo il mondo in avanti in modi creativi e stimolanti”.

Tristan Copley Smith

Tristan Copley Smith è un narratore e organizzatore visivo che si occupa di open source, trasparenza nei governi e movimenti per l’economia della condivisione. Tristan aiuta le idee dirompenti a espandersi, a finanziare progetti e coltivare le comunità produttive. E ‘co-fondatore del progetto Open Source Beehives e Direttore della Comunicazione presso OpenTech Collaborative.

Nadya Peek

Nadya Peek è una studentessa di dottorato presso il MIT Center for Bits and Atoms, in cui lavora all’incrocio tra scienza fisica e scienza digitale. Nadya lavora su strumenti non convenzionali di fabbricazione digitale, automazione su piccola scala, sistemi di controllo collegati in rete, e manifatturiero avanzato. Nadya è anche un membro attivo della comunità dei FabLab, e lavora per rendere la fabbricazione digitale più accessibile con migliori strumenti CAD/CAM e di sviluppo open source (hardware), macchine e sistemi di controllo. Le macchine parte del progetto “machines that make” sono state progettati per essere create  utilizzando gli strumenti disponibili nei fablabs, aiutando gli utenti portare la fabbricazione digitale nelle case.

Madeline Gannon

Madeline Gannon è una Ricercatrice / Progettista / Educatrice il cui lavoro unisce architettura, robotica, informatica, interazione uomo-computer e design. La sua ricerca indaga il feedback digitale-analogico nel contesto dell’artigianato, dell’estetica e dell’interazione ai confini della creatività digitale. Attualmente sta perseguendo un dottorato in Computational Design presso la Carnegie Mellon University. Ha conseguito anche un Master of Science of Computational Design presso la stessa università, e un Master in Arhitettura dalla Florida International University.

Liat Brix-Etgar

Liat Brix-Etgar è un architetto, ricercatore e docente. Capo e il promotore di “Civil Architecture” Unità di Ricerca presso il Dipartimento di Architettura della Bezalel Academy of Arts and Design, di Gerusalemme. L’unità intreccia design, teoria politica, pianificazione e attivismo, mirando a sviluppare infrastrutture civili collaborative, aperte e profondamente inclusive, le capacità e le pratiche che spingono verso la democratizzazione dei processi di pianificazione. Liat ha ricevuto la sua laurea presso l’Accademia Bezalel di Gerusalemme e il suo Master in filosofia dalla Tel Aviv University. Architetto e socio in tehiru Gruppo di Tel Aviv.

Laura Lospennato

Laura Lospennato è una diplomata del programma di Design Industriale dell’Università di Buenos Aires, con la specializzazione in Management del Design completato a Tokyo. Responsabile del programma di Design Thinking offerto dal Governo della Città di Buenos Aires, come parte dell’iniziativa per fornire corsi aperti in Imprenditorialità per la comunità. Insegna anche Design Thinking in un corso post-laurea per imprenditori presso l’Università di Buenos Aires. Nel 2008, ha co-fondato uno studio di design freelance chiamato GrupoAlaska, attualmente il principale studio di design industriale Open Hardware a Buenos Aires. Attualmente il suo lavoro si concentra sul colmare il divario tra la progettazione human-centered e l’hardware open. Laura è anche parte del team di TEDxRioDeLaPlata, uno dei più grandi eventi TED in America Latina.

Jon Nordby

Jon Nordby è un ingegnere elettronico specializzato in open source e software embedded. Consulente per diverse aziende sul tema Linux embedded, ha fatto parte del team che ha creato il Nokia N9 l’ultimo telefono cellulare Nokia basato su Linux. Attualmente sviluppa strumenti interattivi e modelli di programmazione che sfruttano la capacità di pensiero visivo e l’apprendimento esplorativo, per rendere l’hacking e la creazione dei dispositivi elettronici più accessibile. Jon è un membro attivo del Bitraf hackerspace  a Oslo, e lavora per la stealth startup The Grid.

Jason Kridner

Jason Kridner è un software architecture manager per processori embedded presso Texas Instruments (TI). Kridner è anche il co-fondatore di BeagleBoard.org, presso cui ha contribuito a creare strumenti di sviluppo open-source come BeagleBone Black, BeagleBone, BeagleBoard and BeagleBoard-xM. Durante il suo mandato che dura da 20 anni con TI, Kridner è diventato un leader attivo nella comunità open source. Ha coinvolto il pubblico in una varietà di eventi sull’indistria e sullo sviluppo di hardware e software, tra cui la Maker Faire, la Embedded Linux Conference, l’Android Builders Summit, OSCON, CES, Design West, Collaboration Summit e Design East.

Hannah Stewart

Hannah Stewart è una ricercatrice Phd presso Creative Exchange, un hub AHRC per lo scambio di conoscenze della Lancaster University. Il suo background riguarda le industrie digitali e culturali, con un profilo sia come maker che come direttrice commerciale. In campo accademico i suoi interessi spaziano nel campo delle comunità di pratica open-source e di come queste esistano al di fuori del paradigma del mercato tradizionale. Formatasi sia nei mestieri tradizionali e che nella programmazione delle macchine, questa gamma di interessi e di empatia aziendale ha influenzato ed arricchito la ricerca e la pratica accademica.

Hagit Keysar

Il lavoro di Hagit Keysar riunisce teoria, attivismo e pratiche artistiche; è attualmente dottoranda presso il dipartimento di Politica e Governo della Ben Gurion University, in Israele e dal 2011 è parte della comunità di professionisti del Public Lab. La  ricerca di Hagit riguarda l’open-source e le tecnologie di map-making prodotte dai cittadini a Gerusalemme. Un pezzo alla volta,esplora le implicazioni politiche delle tecnologie collaborative e delle pratiche fai-da-te in spazi di conflitto e disuguaglianza civile. Attraverso il lavoro di collaborazione a lungo termine con i residenti della città cerca di sviluppare strumenti di contesto che possano intervenire nella formazione del nostro immaginario geografico, coinvolgendo le persone nell’esporre l’invisibile attraverso il fare e l’osservare critico. Hagit conseguito un Master in Antropologia Visuale presso l’Università di Manchester (UK) e una laurea umanistica presso l’Accademia Bezalel di Arte e Design di Gerusalemme.

Eric Pan

Eric Pan, fondatore e CEO di Seeed Studio, maker da tutta la vita e ciclista. Si è formato come Ignegnere Elettronicoo con progetti di elettronica, di sistemi embedded e di robotica. Dopo la laurea, ha lavorato in Intel come ingegnere circuiti integrati nel controllo qualità e nel NPI, in seguito ha svolto vari lavori compreso lavorare nel commerciale e nel sourcing internazionale. Ha creato Seeed Studio nel 2008, fornendo moduli di open hardware e servizi per aiutare i makers a trasformare le idee in prodotti. Ha anche creato il ChaiHuo hackerspace a Shenzhen, co-fondato l’acceleratore di hardware HAXLR8R ed ha introdotto la prima Mini Maker Faire in Cina. Grazie a tutto il lavoro svolto per accelerare innovatori hardware su piccola scala, è stato scelto per la copertina da Forbes Cina come uno dei 30 giovani imprenditori sotto i 30 anni.

David Lang

David Lang è uno dei co-fondatori di OpenROV, un produttore di robot sottomarini a basso costo, e di OpenExplorer, una comunità di cittadini esploratori. è l’autore di “Zero to Maker” e scrive per “MAKE: Magazine”. è stato TED Fellow nel 2013. Vive su una barca a vela nella baia di San Francisco.

David Huerta

David Huerta è sviluppatore capo presso il Brooklyn Museum, il museo più cool di New York. Di notte, aiuta a organizzare Cryptoparties, sessioni di dibattiti locali che riuniscono tecnologi e persone comuni per imparare a proteggere la propria privacy online. Prima di arrivare a New York, ha abbandonato la Arizona State University ed è stato uno dei membri fondatori di HeatSync Labs, un hackerspace dell’Arizona che riunisce makers, hacker e occasionali futuristi per realizzare cose e insegnare agli altri come fare lo stesso.

Benjamin Tincq

Benjamin Tincq è uno stratega del peer-to-peer e co-fondatore di OuiShare: un think-tank, do-tank e comunità globale la cui missione è quella di costruire e coltivare una società collaborativa. Il lavoro di ricerca di Benjamin si concentra principalmente sulla cambiamento sistemico (socio / economico) generato dal modello peer-to-peer, dalla governance cooperativa e dalla nuova rivoluzione industriale guidata dall’open source e dalla produzione distribuita.

Benedetta Piantella

Benedetta Piantella è una designer trasformatasi in tecnologa umanitaria (?). Ha insegnato robotica Lego, ha lavorato per Arduino in Italia e per Smart Design a New York, producendo prototipi interattivi per i clienti di fascia alta. Ha fondato due società di sviluppo e ricerca ingegneristica focalizzate sulla produzione di soluzioni sostenibili per le sfide  umanitarie, sociali e ambientali a livello globale. Ha creato partnership con organizzazioni come le Nazioni Unite, l’UNICEF, il Millennium Villages Project, con università come la New York University, la Columbia e Princeton e numerose ONG; ha progettato, prototipato e distribuito progetti in paesi come l’Uganda, il Kenya e la Tanzania. è stata architetto Technology Architect per l’Earth Institute e per il Sustainable Engineering Lab presso la Columbia University. è una sostenitrice dell’Open Source ed è attualmente docente alla New York University-ITP dove insegna Informatica Fisica e Ingegneria per lo Sviluppo.

Ammar Halabi

Ammar Halabi si occupa di ricerca sull’uso degli strumenti social on line per sostenere la comunicazione e la collaborazione all’interno delle comunità locali in Siria. Ha collaborato con Wikilogia, una comunità che promuove moderne tecnologie internet per la comunità locale siriana per supportare la collaborazione, la condivisione e la comunità imprenditoriale. Ammar parlerà anche a nome di Yahya Tawil, co-fondatore di Atadiat, una startup per la fornitura di prodotti e servizi per facilitare lo sviluppo di hardware. Atadiat e la tra le prime startup commerciali nel mondo arabo che adotta lo spirito dell’open hardware. Negli ultimi due anni, Yahya ha lavorato come  volontario per Wikilogia per cui ha organizzato e partecipato a numerosi workshops e conferenze riguardo l’open hardware e l’elettronica. Yahya è stato anche coinvolto in attività di collaborazione nel mondo arabo, che hanno incluso la promozione del pensiero OSHW, fondando gruppi OSHW locali, traducendo in arabo i contenuti riguardo l’elettronica e fornendo supporto tecnico per principianti.

Albertas Mickėnas

Albertas Mickėnas è un costruttore di comunità ed evangelista dell’open source, co-fondatore di Technarium hackerspace a Vilnius in Lituania. Dopo un decennio speso nell’esplorazione del panorama delle web startup, stanco di questa attività ha deciso di condurre una vita nomade esplorando le possibilità di business nel campo dell’open hardware indipendente e la progettazione di elettronica open source per l’uso semi-industriale.

Allison Burtch

Allison Burtch si occupa di liberation technology. Ha recentemente creato Internet Illuminator – una funzione aggiuntiva del browser che spiega le relazioni con le aziende, un log jammer  – che crea uno spazio sicuro nell’ambiente e il Dumb store – un app store per dumbphones. Ha co-organizzato il Prism BreakUp all’Eyebeam Art & Technology Center e la Conferenza Drones and Aerial Robotics  presso la New York University. In precedenza, Allison è stata la direttrice dell’Occupied Wall Street Journal, la sesta edizione di una pubblicazione cartacea che è stata tradotta in sei lingue e distribuita a livello globale. Allison ha conseguito un master presso l’Interactive Telecommunications Program della New York University.

Ari Douglas

Ari Douglas era un professionista in Sicurezza Informatica prima chel’Electronic Frontier Foundation lo spingesse ad intraprendere la carriera legale. Laureatosi con una specializzazione sulla proprietà intellettuale presso la Benjamin N.Cardozo School of Law, Gli interessi di Ari coprono tutto lo spettro del variegato campo della “Legge Tecnologica”. Il suo obiettivo primario nell’intraprendere la professione legale era di poter essere utile nel comunicare materiale tecnico complesso ai legislatori. Per MakerBot Industries, Ari ha curato tutti gli aspetti della strategia sulla proprietà intellettuale, compresa la consulenza al senior management sui temi dell’Open Source. Attualmente sta collaborando con Creative Commons su un progetto di ricerca e un “libro bianco” riguardo le opzioni di licenza per l’hardware Open Source.

JON WORTH

Blogger e consulente
Inglese di nascita, Jon Worth è blogger e consulente e risiede a Berlino.
Il suo è uno dei blog più longevi sui temi dell’Unione Europea, oltre che su democrazia e politiche di partito nei vari paesi europei.
Oggi è membro del Grüne (Partito dei Verdi) in Germania.
In passato ha coordinato le campagne web di Harriet Harman, Diane Abbott e Ken Livingstone nel Regno Unito.
Tra i suoi clienti si annoverano la Commissione Europea e l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare. Insegna inoltre presso il Graduate Institute di Ginevra e l’Università di Maastricht.

MEP Marietje Schaake

Parlamentare olandese presso il Parlamento Europeo
Marietje Schaake è un membro del Parlamento Europeo per il partito olandese D66, parte del gruppo politico Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE).
Fa parte della Commissione per gli Affari Esteri, in cui si occupa di politiche di inclusione, specialmente nel caso della Turchia. Si occupa inoltre di diritti umani, con un particolare attenzione alla libertà di espressione, di stampa e di internet.
Nella Commissione Cultura, Media, Istruzione, Giovani e Sport, ha lavorato sull’Agenda Digitale europea e sul ruolo della cultura e dei nuovi media nelle azioni esterne dell’Unione Europea. Nella Commissione per il Commercio Internazionale, si è occupata di diritti sulle proprietà intellettuali, libero flusso di informazioni e il rapporto tra il commercio e gli affari esteri.
Marietje è membro della delegazione per le relazioni con gli Stati Uniti ed è un membro suppletivo delle delegazioni per i rapporto con l’Iran e i Paesi dei Balcani Occidentali.
È inoltre fondatrice dell’Intergruppo del Parlamento Europeo per i Nuovi Media e le Nuove Tecnologie, oltre che membro del Consiglio Europeo per le Relazioni Estere e vicepresidente del consiglio di supervisione di Free Press Unlimited.
Prima di essere eletta nel Parlamento Europeo, ha lavorato come consulente indipendente per governi, diplomazia, aziende e ONG su problematiche di relazioni transatlantiche, diversità e pluralismo, diritti umani e civili.

RICCARDO SABATINI

Scienziato e imprenditore
Nato a Cremona nel 1981, Riccardo Sabatini ha conseguito la laurea specialistica in Fisica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia.
Dopo un tirocinio presso il Max-Planck-Institut di Göttingen, in Germania, ha lavorato per due anni come imprenditore presso aziende pubbliche e private, depositando due brevetti di dispositivi high-tech.
Nel 2006, ha frequentato il Master in Fisica Teorica presso l’Università di Trieste, che ha conseguito summa cum laude nel 2008. In seguito, ha proseguito conseguendo un dottorato in Fisica Teorica presso la SISSA.
Le sue ricerche vertono sulle scoperte di nuovi materiali basate su modellazione numerica su scala atomica. Questo lavoro è stato sviluppato tra l’EPFL in Svizzera e il SISSA in Italia.
Come imprenditore, è co-preside del Master in Complex Action, un corso di economia dedicato ai giovani scienziati.
Ricopre anche il ruolo di consulente scientifico e co-fondatore del The HUB Trieste, un acceleratore di startup orientato verso idee di business sostenibili e altamente innovative. È co-direttore della Quantum ESPRESSO Foundation, una fondazione no-profit che sostiene e aiuta giovani scienziati in tutto il mondo. È anche Chief Research Scientist presso Enerlife, una startup che lavora a nuove tecnologie per l’ottimizzazione e la commercializzazione dell’energia.
Per adempiere ai suoi doveri per l’ecosistema Open Source, è anche un attivo sviluppatore nel progetto Quantum ESPRESSO, un codice open source per calcoli strutturali-elettronici e modellazione di materiali su scala nanometrica.
In passato ha vinto l’edizione 2009 del concorso StartCUP FVG per l’idea di startup più innovativa e ha organizzato TEDxTrieste.
Di recente, è stato project manager per FoodCAST, un progetto nazionale di ricerca orientato all’elaborazione di tecnologie di previsione quantitativa sui mercati dei beni di consumo.

CAROLA FREDIANI

Giornalista per Effecinque.org
Carola Frediani è una giornalista e autrice.
Nel 2010, ha co-fondato Effecinque.org, un’agenzia che fornisce contenuti, prodotti digitali, format innovativi ed esperimenti nei social media.
I suoi articoli trattano principalmente di cultura digitale, privacy, ambiente, hacking e hacktivismo. Scrive per l’Espresso, Wired, Il Secolo XIX, Pagina99 e TechPresident.
In passato ha scritto diversi articoli per il Corriere della Sera e Sky.it, presso cui, tra le altre cose, ha lavorato al progetto Beautiful Lab.
Ha lavorato per circa dieci anni con Franco Carlini, presso l’agenzia di giornalismo web Totem a Genova.
Nel 2012, ha scritto “Dentro Anonymous”, un viaggio tra le legion del cyberattivismo. Nel giugno del 2014, ha pubblicato “Deep Web – La Rete oltre Google”.

Camille François

Fellow, Harvard Berkman Center for Internet & Society
Camille François è Fellow presso il Berkman Center for Internet and Society, ad Harvard, e presso l’Information Society Project della Yale Law School. Si è specializzata in politiche pubbliche sulla cyberguerra e la cyberpace e sulle annesse problematiche in materia di sorveglianza, privacy e robotica.
Già Fulbright Fellow, Camille è docente ospite presso Saltzman Institute of War and Peace Studies della Columbia University (New York), dove ha lavorato insieme alla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) su questioni di cybersicurezza e privacy. Ha vinto il primo premio alla Atlantic Council Cyber 9/12 National Challenge in Cyber Policy.
In passato, ha lavorato per Google in Europa gestendo ricerche di mercato su diverse piattaforme mediatiche, politiche chiave e trend sulla privacy.
Camille ha un Master’s degree in International Public Management conseguito presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Parigi e un Master’s degree in International Security della Columbia School of Public and International Affairs. Ha conseguito il suo Bachelor in Scienze Politiche a Parigi ed è stata studentessa internazionale per un anno presso la Princeton University. Ha inoltre seguito corsi di giurisprudenza presso la Paris II – Sorbonne Universités.
Camille è impegnata in una vasta gamma di progetti per la promozione della libera cultura e ricopre il ruolo di Consulente Digitale per Biblioteche Senza Frontiere, presso cui si occupa di alfabetizzazione digitale e inclusione digitale
Attualmente co-organizza la Drones and Aerial Robotics Conference (DARC).
Camille ha lavorato per due anni presso il Parlamento francese come legislative aide (assistente legislativo).
Il suo lavoro e i suoi interventi sono apparsi su riviste importanti come Scientific American, Guardian, WIRED e BBC.

BEATRICE COSTA

Responsabile del settore Programmi per Action Aid
Dal 2004, Beatrice Costa ha lavorato per ActionAid, una ONG internazionale in prima linea nella battaglia indipendente contro la povertà. Oggi, Beatrice è Responsabile del settore Programmi per ActionAid in Italia.
In passato ha lavorato su problematiche di genere e per una maggiore centralità del ruolo delle donne, coordinando il programma per i diritti delle donne per ActionAid.
Ha pubblicato insieme ad Elena Sisti il libro “Le donne reggono il mondo. Intuizioni femminili per cambiare l’economia” per la casa editrice Altreconomia
Nata a Milano nel 1981, Beatrice Costa si è laureata nel 2005 in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso l’Università di Torino.
Nel 2010 ha conseguito un’altra laurea in Studi Religiosi presso l’Istituto di Scienze Religiose di Novara e ha frequentato il Master in Bibbia e Cultura Europea presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale.

PAOLA BONINI

Giornalista, Editrice, Attivista
Paola Bonini, giornalista residente a Milano, si occupa di cultura e nuovi media.
Mentre frequentava Giurisprudenza, ha lavorato nell’ufficio stampa di Amnesty International. Dopo essersi laureata, ha iniziato a lavorare per case editrici di grande levatura come Mondadori, Sellerio, Il Saggiatore e molte altre.
Ha dato un importante contributo a diverse riviste e giornali e ha collaborato con numerose agenize di comunicazione. Oggi coordina e dirige i progetti di Comunicazione Politica per l’agenzia di pubbliche relazioni italiana Hagakure.

DINO AMENDUNI

Responsabile del settore New Media per Proforma
Classe 1984, Dino Amenduni è Responsabile del settore New Media e consulente per le Comunicazioni presso Proforma, un’agenzia di comunicazione con sede a Bari che ha condotto le campagne di pubblicità e comunicazione più di successo nello scorso decennio nel campo delle politiche progressiste.
Con Proforma, ha lavorato a campagne mediatiche di successo sia a livello locale che nazionale, comprese quelle di Michele Emiliano (sindaco di Bari, 2009), Nichi Vendola (Regione Puglia, 2010) e Debora Serracchiani (Regione Friuli Venezia Giulia, 2013). Ha anche collaborato alla campagna elettorale dell’attuale Presidente del Consiglio Matteo Renzi per le Primarie del 2013. Di recente, Proforma ha condotto la fortunata campagna elettorale del Partito Democratico per le elezioni europee del 2014.
Dino collabora anche ad alcune edizioni locali dei giornali del Gruppo Espresso, scrivendo articoli di analisi politica e di comunicazione politica, e anche ad alcune pubblicazioni online come Valigia Blu.
Insegna Comunicazione Politica e Social Media Marketing negli atenei di tutta Italia e fa parte dello staff del Festival Internazionale del Giornalismo a Perugia.
Nella primavera del 2013, Dino è entrato a far parte del programma di apprendimento IVLP del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, si è recato in città come Washington, Minneapolis, Denver e San Diego e si è dedicato a problematiche legate all’imprenditoria sociale (terzo settore, no-profit, fundraising/crowdfunding).
Nel suo (pochissimo) tempo libero, ama parlare di musica e inserisce citazioni profonde sul suo blog.
Dino vive e lavora a Bari, incantevole città del sud Italia.
È vice-capitano della Real Katenaccio, una squadra di calcio della periferia di Bari. Spetta a lui anche l’arduo compito di stilare le pagelle di ogni partita nel blog della squadra.

VITTORIO ALVINO

Presidente e Fondatore di OpenPolis
Nato a L’aquila, laureato in Scienze Politiche, presidente di Openpolis e socio fondatore di Depp srl.
Sono arrivato a internet mosso dall’interesse per i processi sociali e politici. Ho fatto varie esperienze nel privato in ambito web e multimedia. Nel 2003, insieme altri amici avviamo il progetto Openpolis, con l’idea di sperimentare l’uso della rete e dei dati pubblici per creare trasparenza e partecipazione democratica (VoiSietequi, Open politici, Open parlamento, etc.).
Nel 2008 fondiamo Depp srl, che oltre ad essere la società strumentale di Openpolis, realizza anche tra i progetti di Open Government più importanti in Italia (OpenCoesione, Open municipio, Open ricostruzione, Open bilanci, etc.)

CHRIS TAGGART

Chris Taggart è il co-fondatore e AD di OpenCorporates.
Sin dal suo lancio, due anni fa, OpenCorporates ha fatto leva sulla comunità open data fino a diventare il più grande database aperto sulle aziende di tutto il mondo, con oltre 50 milioni di imprese in 70 giurisdizioni.
Questi dati vengono usati quotidianamente da chiunque lavori per smascherare la corruzione, da giornalisti a membri della società civile, oltre che da banche e istituzioni finanziarie.
La prossima sfida è mappare le reti complesse, e spesso opache, delle maggiori multinazionali mondiali. I risultati sono già sorprendenti.